Passa ai contenuti principali

Il Santuario della Parola - Yeshivah

Il Santuario della Parola è il luogo per scrutare le Scritture in un clima di preghiera e contemplazione. Nel Santuario della Parola si trovano troni e sulla parete di fondo vi è un Tabernacolo che contiene, su due livelli, il Santissimo Sacramento e la Sacra Scrittura, secondo quanto indicato nella Dei Verbum (n. 21).
Il Santuario della Parola - Yeshivah

Scopriamo nel dettaglio l’origine e l’architettura del Santuario della Parola, non una semplice sala lettura, ma un luogo dove scrutare le Scritture: uno spazio di incontro dove si rende visibile, attraverso le Scritture, la storia di redenzione che Dio fa con il suo popolo.

Nei seminari Redemptoris Mater è un luogo di incontro tra i seminaristi per la preghiera comune e personale. Un luogo per ascoltare la rivelazione divina contenuta nelle Scritture, e una cappella di adorazione, poiché nel Santuario della Parola si conservano all'interno del tabernacolo le specie eucaristiche consacrate.
Il Santuario della Parola Domus Galilaeae

Per San Girolamo “ignorare le Scritture è ignorare il Cristo”. La Parola di Dio non è una lettera morta, ma si attualizza nell’esistenza di colui che la medita. Con la frequentazione regolare delle Sante Scritture, ad esempio, i seminaristi sono chiamati a diventare “uomini della Parola”.

Dalla Yeshivah al Santuario della Parola

Questo spazio si ispira alla cultura ebraica. Nell’ebraismo una Yeshivah è il centro di studi della Torah (la Parola) e del Talmud (la tradizione). Nei seminari Redemptoris Mater, il Santuario della Parola è il luogo dove i seminaristi scrutano le scritture in un’atmosfera di preghiera e in un contesto liturgico-celebrativo.

I dettagli architettonici

La sala  del Santuario della Parola ha le pareti rivestite con un intonaco rugoso, che ricorda un utero dove l’embrione si annida e si sviluppa. La Chiesa, nella quale la Parola è proclamata e interpretata, è una madre che genera ed educa dei figli di Dio. “La gloria dei re, scrutare la Parola” (Pr 25,2). Colui che scruta la Parola è un re, siede su un trono. Per questo nella Yeshivah si prende posto su dei troni, illuminati da una lampada a forma di goccia, simbolo dello Spirito Santo che assiste colui che scruta la Parola di Dio.

Sullo sfondo di questo spazio, un muro di marmo è simbolo della morte, del cuore di pietra dell’uomo. Solo il tabernacolo, che accoglie il Santissimo e la Parola di Dio,  crea una breccia nel muro. Solamente Cristo ha le chiavi del mistero della morte e attraverso di lui la vita eterna è offerta a tutti gli uomini. Il tabernacolo, come una porta in mezzo a un muro, mostra la nuova vita che viene da Dio, concretizzata nei due elementi che custodisce: L' Eucaristia, che nutre e vivifica la vita della Chiesa, e la Scrittura, la quale mostra l'azione di Dio nella storia.



 «La sacramentalità della Parola si lascia così comprendere in analogia alla presenza reale di Cristo sotto le specie del pane e del vino consacrati. Accostandoci all’altare e prendendo parte al banchetto eucaristico noi comunichiamo realmente al corpo e al sangue di Cristo. La proclamazione della Parola di Dio nella celebrazione comporta il riconoscere che sia Cristo stesso ad essere presente e a rivolgersi a noi per essere accolto» ( Verbum Domini , 56).

Il Santuario della Parola alla Domus Galilaeae

San Giovanni Paolo II, nel corso del viaggio giubilare in Terra Santa, ha avuto l'occasione di fermarsi alla Domus Galilaeae, sul Monte delle Beatitudini, e benedire il Santuario della Parola, inaugurando così questo luogo, gestito dal Cammino Neocatecumenale, a servizio di chi vuole riscoprire le radici ebraiche della fede cristiana.


Commenti

Post popolari in questo blog

Il pane azzimo per la celebrazione delle comunità neocatecumenali

Le comunità del Cammino Neocatecumenale per la celebrazione Eucaristica utilizzano pane azzimo, di forma circolare che viene spezzato e distribuito per la comunione. L’art. 13 dello Statuto, approvato in via definitiva nel 2008, prescrive che il gruppo di preparazione per la celebrazione Eucaristica provveda, tra le altre cose necessarie, anche al pane, che secondo le norme canoniche “deve essere esclusivamente di frumento, confezionato di recente e azzimo, secondo l’antica tradizione della Chiesa latina”. Il pane infatti viene preparato il giorno stesso della celebrazione, dai fratelli della stessa comunità neocatecumenale che possono, inoltre, comunicare sotto le due specie. Il Concilio ha permesso, infatti, in alcuni casi la Comunione sotto le due specie, con la quale, grazie alla forma più chiara del segno sacramentale, si ha modo di penetrare più profondamente il mistero al quale i fedeli partecipano. Lo Statuto del Cammino prevede che in ogni celebrazione nell’itinerario di

La Vergine del Cammino di Kiko Arguello

L'icona della Vergine con il bambino fu dipinta da Kiko nel 1973, ispirandosi ad una riproduzione in bianco e nero della Kikkotissa tratta da un libro di icone russe. La raffigurazione della Madonna col bambino è diventata negli anni l’immagine iconografica del Cammino Neocatecumenale. In essa, come vedremo, è contenuta l'indicazione di cosa la vita cristiana in comunità. Riproduzione dell'originale icona L'icona della Kikkotissa è venerata e conservata nel monastero di Kikko, nell'isola di Cipro. Secondo la tradizione è stata dipinta da san Luca l'evangelista, che effettivamente conobbe la Vergine Maria e dalla quale sentì i racconti dell'infanzia di Gesù. Nell'icona dipinta da Kiko, come nella Kikkotissa, la Vergine Maria e Gesù hanno lo sguardo rivolto a sinistra, verso i peccatori (caproni) come descritto nel giudizio finale del vangelo di Matteo, capitolo 25, 31-33, come ad indicare la missione della Vergine Maria e del Cristo di salvare i p

La celebrazione penitenziale nel Cammino Neocatecumenale

La Celebrazione penitenziale nel Cammino Neocatecumenale è la prima liturgia che si celebra durante le catechesi iniziali e nella stessa forma prosegue in tutto l'itinerario di iniziazione cristiana e di formazione permanente alla fede delle comunità neocatecumenali. Il rito della liturgia penitenziale Come il Direttorio Catechetico del Cammino Neocatecumenale anche le celebrazioni hanno ricevuto una approvazione specifica dal competente dicastero della Santa Sede. Con il Concilio Vaticano II il Sacramento della Penitenza è stato posto nuovamente alla luce del mistero pasquale di Cristo e legato al battesimo dal quale scaturisce come nuovo lavacro per i peccati. Il Cammino Neocatecumenale , andando alle fonti bibliche, ha sottolineato anche l'aspetto comunitario del peccato e delle conseguenze del peccato, e quindi della necessità che il sacramento della riconciliazione sia vissuto all'interno dell'assemblea orante, chiamata a conversione dell'ascolto dell